IngegniCulturaModica

Un viaggio nel cuore della meravigliosa Sicilia Barocca

Su Rai 3, a presa diretta focus sulla città di Morbach

Ho seguito stasera con molto interesse la trasmissione di Iacona su Rai tre "Sole,vento,alberi" che ha avuto come tema conduttore l'energia e le fonti alternative.
Parte della trasmissione è stata dedicata alla città di Morbach in Germania, ove con una delegazione di studenti siamo andati nel 2008.
Ho piacere di riproporre qui il servizio che ho predisposto ,al rientro dalla Germania, per il giornale on line modica.info.

La eco-casa a basso impatto e a basso costo. E vendendo l’energia solare si rientra di metà delle spese. A Morbach, Germania, tutto questo è realtà.

"Lo sviluppo sostenibile, espressione in voga negli ultimi anni, sia riferito alle macro aree sia a quelle locali, si riconduce a quelle forme di sviluppo che forniscono elementi ecologici, sociali ed opportunità economiche a tutti gli abitanti, senza creare minaccia alla vitalità del sistema naturale, urbano, sociale.
Lo sviluppo sostenibile, quindi, come unica e vera possibilità di progresso.Guardare al futuro significa essere capaci di innovazione.
Compito delle politiche locali di sviluppo sarà quello di adottare strumenti e iniziative volti al trasferimento tecnologico e a far crescere la cultura dell’innovazione.
Per questi obiettivi si deve insistere su due direzioni: il risparmio energetico attraverso l’ottimizzazione sia nella fase di produzione che negli usi finali (impianti, edifici e sistemi ad alta efficienza ed eco-compatibili, nonché educazione al consumo consapevole) e lo sviluppo delle fonti alternative di energia invece del consumo massiccio di combustibili fossili.
La eco casa è un contesto che lascia spazio alla fantasia personale, che si apre ai vicini mettendo in comune i servizi, che utilizza la luce per dare elettricità e bellezza, e soprattutto che costa poco all’ambiente e al portafoglio di chi ci vive.
E’ la casa a basso impatto e a basso costo.
Le difficoltà legate all’abitare oggi sono tante.
Chi vive in affitto paga in media un canone di 340 euro al mese; chi possiede le mura in cui vive paga, di solito, un mutuo mensile che in media è pari a 458 euro.Negli ultimi venti anni i consumi energetici di una famigli tipo sono raddoppiati.Una forte crescita delle emissioni di anidride carbonica determina una spinta verso l’esasperazione del rischio climatico.Si impone, quindi, l’esigenza per i tecnici ingegneri di disegnare non tanto una singola casa, ma un modo di progettare lo spazio necessario a varie famiglie, per ridurre il costo dell’abitare in termini di denaro, energia ed emissioni inquinanti. Abbiamo fatto un po’ di conti e abbiamo scoperto che utilizzando le opportunità assicurate dal conto energia,cioè vendendo ad esempio l’energia elettrica dei pannelli fotovoltaici si può rientrare di metà delle spese. Ecco i numeri che
reggono il ragionamento:Settanta metri quadrati di tetto coperto di pannelli danno tre mila chilowattora all’ora. Si spendono 18.681 euro per l’impianto e si guadagnano- tra la vendita dell’elettricità ed il risparmio- 1860 euro l’anno. Dieci anni e il gioco è fatto: l’impianto è ripagato e da quel momento in poi si trasforma in rendita.
L’abbiamo constatato visitando la città di Morbach in Germania ,comune autosufficiente dal punto di vista energetico,dove tutte le abitazioni sono ecocompatibili e traggono energia da sistemi fotovoltaici ed
eolici combinati. La città risulta, altresì, essere all’avanguardia nello smaltimento dei rifiuti dal quale gli abitanti traggono ulteriore energia e gas-metano per l’autotrazione ed il riscaldamento.La strada maestra è anche il minieolico, assieme ai pannelli fotovoltaici e la cogenerazione che indica la produzione contemporanea di diverse forme di energia secondaria partendo da un’unica fonte attuata in un unico sistema integrato.Appare interessante,inoltre, l’opportunità che si presenta ai distributori di creare reti di propri impianti di microgenerazione, dislocate presso le utenze che garantiscono consumi termici adeguati e costanti.Ciò consente di ottenere vari vantaggi per l’utenza in termini di conti e per i Comuni risparmi non indifferenti nell’anno.Purtroppo in Sicilia stenta a decollare la politica energetica dell’uso di fonti rinnovabili.
Non ci può essere sviluppo senza un programma regionale di iniziative di sensibilizzazione e informazione all’uso di fonti rinnovabili di energia e di efficienza energetica."
Mario Incatasciato



Visualizzazioni: 10

Commento

Devi essere membro di IngegniCulturaModica per aggiungere commenti!

Partecipa a IngegniCulturaModica

© 2019   Creato da mario giovanni incatasciato.   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio