IngegniCulturaModica

Un viaggio nel cuore della meravigliosa Sicilia Barocca

9 GENNAIO 1963: EBBE INIZIO LA FINE



Tra le due profonde gole percorse dai torrenti Asinaro e Salitello, in un luogo solitario e arroccato a 425 m sul monte Alveria sorge Noto Antica, la gloriosa città che il terremoto del gennaio 1693 rase al suolo.
I ruderi di case, palazzi, fontane, chiese e conventi sembrano fantasmi lapidei
circondati dai resti della poderosa cinta muraria che aveva reso inespugnabile
la città nei secoli. Le mura cinquecentesche diroccate sembrano insistere nel
voler abbracciare e proteggere un mondo che sussurra nel silenzio ma che è
andato perduto. Tutti i secoli che la furia devastatrice spazzò via, sono
ancora sepolti tra le macerie. Ogni rudere è la pietrificazione di un ultimo
istante di vita.



.


Visualizzazioni: 194

Commento

Devi essere membro di IngegniCulturaModica per aggiungere commenti!

Partecipa a IngegniCulturaModica

Commento da Vincenzo Santaera su 12 Novembre 2010 a 23:30
Credo che nel titolo 9 GENNAIO 1963: EBBE INIZIO LA FINE ci sia una inversione di cifra. Vincenzo Santaera

© 2019   Creato da mario giovanni incatasciato.   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio