IngegniCulturaModica

Un viaggio nel cuore della meravigliosa Sicilia Barocca

Modica - Il Prof. Ing. Giuseppe Trombino,ordinario di Urbanistica alla facoltà di Ingegneria dell’Università di Palermo, incaricato dal Sindaco, Antonello Buscema, con propria determina di procedere alla redazione della revisione della variante urbanistica al P.R.G., ha effettuato, unitamente all’Assessore all’Urbanistica Elio Scifo e al dirigente del settore, ing. Carmelo Denaro, una ricognizione nel territorio della Città, venerdì scorso.

Il consulente ha già sottoscritto il disciplinare d’incarico. Di euro 24.186,25 l’impegno di spesa comprensivo di ogni onere per l’incarico, incarico che consiste nella predisposizione di integrazioni e modifiche alle previsioni del progetto di variante del Prg al fine di adeguarlo allo stato di fatto e di diritto del territorio comunale e alla pianificazione sovra ordinata; la predisposizione di una proposta organica di modifiche alle previsioni del progetto di variante al fine di adeguarlo alle più recenti acquisizioni della disciplina urbanistica in materia di perequazione urbanistica e di renderne più efficaci le previsioni, in relazione al nuovo quadro normativo in materia espropriativa; alla stesura di un rapporto preliminare ambientale sui possibili impatti ambientali significativi dell’attuazione della variante generale al Prg; alla consulenza su singole tematiche urbanistiche che l’amministrazione si troverà ad affrontare nelle diverse fasi dell’iter di adozione della variante generale al PRG.

Entro novanta giorni dall’incarico, il prof, Giuseppe Trombino, dovrà consegnare l’elaborato completo.

Lunedì 7 dicembre p.v. il neo consulente sarà nuovamente in Città per acquisire altra documentazione ed effettuare nuovi sopralluoghi.

“Con l’atto di incarico ad professionista di nota competenza ed esperienza nel settore della pianificazione urbanistica, commenta l’assessore Elio Scifo,la variante al PRG è veramente sulla dirittura d’arrivo.

Il disciplinare sottoscritto indica tutti i punti da soddisfare compresa la verifica dell’assoggettabili alla Valutazione Strategica Ambientale ( VAS) della variante al Prg più volte discussa in consiglio.

Auspico come amministrazione, intoppi permettendo, di inoltrare all’ufficio di Presidenza del Consiglio Comunale la bozza della delibera sulla variante in tempi stretti perché possa iniziare l’iter conclusivo per la discussione e l’approvazione del documento urbanistico.”




Chi è Giuseppe Trombino


Nato a Palermo il 3 giugno 1949, risiede a Palermo.
Ha conseguito la laurea in Ingegneria civile edile presso l'Università di Palermo. Successivamente, nel novembre 1978, si è laureato in Architettura presso l'Università di Palermo.

E' professore ordinario di Urbanistica (gruppo ICAR21) presso la Facoltà di Ingegneria dell'Università di Palermo.
È Presidente del Consiglio di Coordinamento degli studi in Ingegneria Edile della Facoltà di Ingegneria dell’Università di Palermo.
E’ vicedirettore del Centro Interdipartimentale di ricerche sui centri storici dell’Università di Palermo.
Svolge attività di ricerca scientifica presso il Dipartimento Progetto e Costruzione edilizia dell'Università di Palermo. Fa parte del collegio dei docenti del dottorato di ricerca in Ingegneria edile dell’Università di Palermo.

E' autore di numerose pubblicazioni di carattere scientifico relative a temi di urbanistica e pianificazione territoriale e di numerosi articoli su riviste specializzate. In particolare gli studi e le ricerche hanno riguardato la problematica della riqualificazione e riuso dei centri storici, i processi di urbanizzazione nel territorio siciliano ed in particolare i fenomeni di abusivismo ed i loro effetti nell’assetto territoriale dell’Isola e, negli anni più recenti, il contributo dei SIT nella pianificazione, la valutazione di sostenibilità degli interventi di pianificazione (VAS) e le nuove forme di piano strategico e strutturale.
Insieme ai prof. B. Gabrielli e G. Gangemi ha elaborato nel 2003, per conto del Dipartimento regionale dell’Urbanistica della Regione Siciliana, un documento di “Linee guida per la riforma urbanistica regionale”, successivamente trasformato dall’Assessore al Territorio ed ambiente nel 2005, con la consulenza degli stessi, in Disegno di legge per il governo del territorio, di iniziativa governativa.

Ha responsabilità scientifiche e socio-culturali di varia natura:
· Dal 1997 al 2005 è stato componente del Consiglio dell'Ordine degli Ingegneri di Palermo.
· Tra il 1989 ed il 1994 e dal 2007 ad oggi ha rappresentato l'Università di Palermo all'interno del Consiglio Regionale dell'Urbanistica (CRU), organo di consulenza dell'Assessore del Territorio e dell'Ambiente della Regione Siciliana.
· E’ presidente del Centro provinciale di studi Urbanistici di Palermo e componente della Giunta nazionale del Centro.
· E' vice presidente della Sezione siciliana della Associazione Nazionale Centri Storico-Artistici (ANCSA) e componente del Comitato Direttivo nazionale.
· E' presidente della sezione siciliana dell'Istituto Nazionale di Urbanistica (INU) e membro effettivo dal 1990.
· E’ componente del Consiglio scientifico dell’Officina di Architettura dell’Autorità portuale di Palermo.

Svolge attività professionale esclusivamente per conto di Enti pubblici nel settore dell'urbanistica e della pianificazione territoriale.
E’ stato consulente per l’urbanistica dei sindaci dei comuni di Carini (PA), Capaci (PA), Castelvetrano (TP), Petralia Soprana (PA) e Scicli (RG).
E’ autore di numerosi piani urbanistici redatti per conto di amministrazioni pubbliche e presta consulenze specialistiche ad amministrazioni comunali per la formazione dei piani urbanistici e per la gestione urbanistica del territorio. In particolare ha elaborato o ha in corso di elaborazione, con responsabilità per lo più individuale, quale progettista o consulente, i Piani Regolatori Generali di Alia, Aliminusa, Chiusa Sclafani, Caltanissetta, Canicattì, Cammarata, Castell’Umberto, Cefalù, Geraci siculo, Giardinello, Mistretta, Palma di Montechiaro, Ravanusa, Lercara Friddi, Mezzojuso, Marianopoli, San Mauro Casteverde, Sant’Agata di Militello, Vicari, Valverde, ed i piani particolareggiati di riqualificazione dei centri storici di Palermo (Albergheria), Castronovo, Mezzojuso, San Mauro Castelverde, Cammarata, Serradifalco, Giardinello, Geraci siculo, Canicattì, San Vito Lo Capo, Vicari, Scicli, Viagrande, Castellammare del Golfo.

Visualizzazioni: 24

Commento

Devi essere membro di IngegniCulturaModica per aggiungere commenti!

Partecipa a IngegniCulturaModica

© 2019   Creato da mario giovanni incatasciato.   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio