IngegniCulturaModica

Un viaggio nel cuore della meravigliosa Sicilia Barocca

"Chisti esami 'e maturità" di Edoardo de Filippo

Chisti esami 'e maturità
Savà, stu sissanta tuoio ‘a rò cazzo è asciuto? By Santhippe


Dedicato a tutti coloro che, come me, hanno affrontato gli esami di Stato quando ancora si definivano 'di maturità' e quando il massimo punteggio era 60/60.
In loving memory di quel passaggio importantissimo della nostra vita adolescenziale e della tensione che vivevamo in questo periodo. E' una lirica in stretto dialetto napoletano, un inedito per il web, un regalo per Ragusanews. L'autore è un anonimo, sicuramente un insegnante, uno che si sciroppa gli esami. Spero sia comprensibile a tutti.


CHISTI ESAMI 'E MATURITA'

Chisti esami ‘e maturità
Nun se ponno chiù suppurtà
Pe’ nu mese, ogni santu juorno,
tutte quante a nu tavulo attuorno,
cinche o sei ore assettate
a sentì sempre ‘e stesse cazzate.

Stu rituale a me me scuraggia,
ogni tanto ne faccio n’assaggio,
ma me scunforto e dico: “Mannaggia
tutte quante sti personagge!”

‘O presidente, ‘o membro interno,
chillo ca pare nu padreterno,
chill’ato ca manca e se cerca ‘o supplente,
‘e guagliune ca so’ scuntente,
‘a signora tutta sorridente,
ma po’ se scopre ch’è a chiù fetente,
chell’ata ca invece se lamenta
ca ‘o mandato nun è in pagamento,
chillo ca è proprio inconcludente,
ma sapìsseve come pretende,
chiù è ciuccio e chiù è esigente.

Chi cerca o ccafè, chi scrive ‘o verbale,
chi fuma ‘o sicario, chi legge ‘o giurnale,
chi fa na domanda, ma po’ se distrae
pecchè a jurnata è cavera assaje,
chi tenne ‘a recchia cercanno ‘e sentì,
chi guarda ‘o rilorgio ca se ne vo’ ì.

L’illuminismo, ‘o romanticismo,
‘a nascita r’o fascismo,
‘a dinamica r’o bradisismo,
l’elettromagnetismo,
‘a fine r’o colonialismo,
‘a geografia r’o turismo,
‘o pessimismo, l’idealismo,
‘a poetica r’o verismo,
‘a genetica dell’albinismo,
fanno venì nervosisme,
convulsione, freve, isterisme.

Durante ‘ e scritte r’italiano
Succere nu fatto strano:
nu guaglione pe’ ghì ‘ o gabinetto,
se fa scappà nu biglietto,
ca care sul pavimento,
paura, panico, svenimento,
‘o commissario chiù fetente
Se mette a fa comm’a n’animale:
“Fermi tutti,mettiamo a verbale!
Il candidato Aliberti Ernesto
Ha copiato l’intero testo.
Questo non è né bello né onesto”
‘A sera po’ stu professore
Fa nu discorso cu l’albergatore:
“Vuje me capite, m’avit’ a attestà,
aggio bisogno ‘e documentà,
chesta vita nun se po’ fa,
tutte quante avimm’ a campà.
Pure mia moglie sta ccà,
e venuta pe’ s’abbronzà…”
“Sta cosa ‘a putimmo fa,
nun v’avit’a preoccupà.
Chiuttosto v’aggi’ a parlà,
tengo mia figlia in quinta A”

Chesta invece è l’onestà.

E doppo nu mese ‘e supplizio,
se scriveno ‘e giudizie:
La candidata ha rivelato…
…ha dimostrato…è stata guidata…
... ha saputo…si è disimpegnata…
In maniera non sempre adeguata…
Non ha saputo collegare…
Discutere…analizzare,
La preparazione globale
è piuttosto superficiale…
“I miei allievi di Pordenone
Hanno un’altra preparazione!”
“Ed i miei, su a Torino,
sanno sempre tutto a puntino!”

‘O membro interno cerca attenuante
Nu poco pe’ tutte quante:
Chillo tene ‘a mamma malata,
chella guagliona è stata operata,
chill’ato ha avuto na sbandata,
‘e genitore se so’ separate,
chisto s’è dato a ‘o volontariato,
tene ‘o fratello handicappato,
chillo vene ra San Diodato,
nu paese molto isolato,
arriva ‘a scola ancora assunnato:
però un certo impegno c’è stato,
nu progresso s’è registrato.

Vene ‘o finale, coi risultati,
finalmente pubblicati,
nisciuno è stato accontentato,
ognuno vere ‘o voto suojo e chill’e l’ate,
‘ o paragone è immediato.
Tutte vonno fa na scenata,
nu maciello, n’attentato,
nu ricorso a ‘o magistrato,
a ‘o Tar, a ‘o Cunziglio ‘e Stato.

‘O pate ‘e Arturo Pinto,
ancora una volta respinto,
vere scritto, llà a fianco,
‘o risultato r’a cumpagna ‘e banco,
ca, ‘o tabbellone rende noto,
ha avuto ‘ o massimo voto.

“Nu sbaglio ce ha da esse stato!
Chella ‘e scritte l’ha sbagliate,
a mio figlio lo ha confidato,
‘a l’orale s’è ‘mpappinata,
ddoje o tre frase ha pronunciato,
s’è misa a chiagne, po’ è svenuta,
stu sissanta ‘a rò cazzo è asciuto?”

‘O pover’omo nun suspettava
Ca ‘ a signurina è nipote ‘e Gava.

Cu nu poco ‘e cognizione,
voglio fa na riflessione,
voglio esprimere n’opinione,
voglio presentà na mozione,
voglio avvià na petizione,
nu referendum pe’ l’abrogazione,
voglio furmà na commissione,
songo pronto ‘a na rivoluzione,
pecchè ‘e tutto stu baraccone
ci sia urgente la demolizione.

Chisti esame ‘e maturità
Nun se ponno chiù suppurtà.
Pe’ nu mese, ogni santu juorno,
tutte quante ‘a nu tavulo attuorno,
cinche o sei ore assettate
a dice sempe ‘e stesse strunzate.

ChiaradE





Nella foto, Eduardo De Filippo: "Gli esami non finiscono mai"

Visualizzazioni: 77

Commento

Devi essere membro di IngegniCulturaModica per aggiungere commenti!

Partecipa a IngegniCulturaModica

© 2019   Creato da mario giovanni incatasciato.   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio