IngegniCulturaModica

Un viaggio nel cuore della meravigliosa Sicilia Barocca

Abbracciamo un Sorriso.....alla Villa Romana del Casale...

Abbracciamo un Sorriso

ll progetto Abbracciamo un Sorriso, in collaborazione con la Diocesi e il Comune di Piazza Armerina, è stato presentato Martedì 20 Dicembre alle 15.30 presso la Villa Romana del Casale. In coerenza con gli scopi del progetto, alla presentazione è stato invitato un gruppo di ragazze e ragazzi africani provenienti dagli sbarchi di Lampedusa, attualmente ospitati nel territorio ennese, per far conoscere loro la Villa e raccontare delle comuni radici culturali.

Inserita fra i beni tutelati del Patrimonio mondiale dell’UNESCO dal 1997, la Villa Romana del Casale sta progressivamente recuperando il suo ruolo grazie al completamento dei lavori di restauro, previsti per la primavera 2012, e alla messa in opera del Piano di Gestione UNESCO, dedicato alla Villa che prevede di sviluppare, attorno a questo gioiello del IV sec. d.C., un circuito virtuoso fatto di conoscenza, divulgazione, scambi e massima fruibilità per tutti. Sarà la mediazione culturale, l’incontro delle culture, lo scambio delle conoscenze il genius loci della Villa

In età romana, nei pressi della Villa vi era una mansio che, oltre a produrre grano per l’impero, era una stazione di servizio che consentiva al viandante, proveniente da ogni parte del globo conosciuto, di sostare e riposarsi prima di riprendere il faticoso cammino. Oggi, l’obiettivo ambizioso è quello di fare della Villa Romana del Casale, restituita alla fruizione dopo i restauri, una sorta di stazione di servizio di divulgazione della cultura dei popoli.

A tal fine risponde la recente apertura del sito Web dedicato alla Villa, elaborato secondo il protocollo Minerva e presto reso accessibile anche agli ipo-vedenti, in collaborazione con il Museo Statale Omero di Ancona.

Nella prospettiva di fare in modo che le future generazioni diventino custodi del Patrimonio dell’Umanità, l’UNESCO attribuisce un ruolo particolarmente rilevante alla diffusione fra i giovani, della conoscenza del patrimonio paesaggistico e culturale di cui la Villa è espressione, attraverso la creazione di percorsi didattici dedicati alle varie fasce di età scolare.

In questa direzione si muove il progetto di intercultura Abbracciamo un Sorriso che intende avvicinare i bambini del Mediterraneo e del mondo intero alla Villa, attraverso la creazione di schede didattiche in lingua (scaricabili via web). L’obiettivo è quello di portare, soprattutto nei villaggi africani ma non solo, la conoscenza di un’arte che i lontani antenati dei bambini africani hanno contribuito a far crescere.

Nella Villa Romana del Casale, infatti, lavorarono maestranze africane e molti dei suoi mosaici riprendono iconografie e miti presenti nei siti archeologici nord-africani, a dimostrazione dell’interscambio culturale ante-litteram di cui i Romani furono precursori.

La diffusione della conoscenza di queste comuni origini, con il suggerimento di lavori nelle classi dei villaggi, mettendo in contatto esperienze e mondi lontani, mira a promuovere il dialogo tra le culture, a diffondere una cultura di pace e di integrazione tra i popoli e a trasmettere un messaggio di speranza e solidarietà attraverso l’arte. L’opera di divulgazione della conoscenza della Villa si completa con un progetto parallelo di adozione a distanza di bambine e bambini di paesi in via di sviluppo, che possano diventare Ambasciatori della Villa nel loro Paese.

Fonte: http://www.rivistasitiunesco.it/

Visualizzazioni: 23

Commento

Devi essere membro di IngegniCulturaModica per aggiungere commenti!

Partecipa a IngegniCulturaModica

© 2019   Creato da mario giovanni incatasciato.   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio