IngegniCulturaModica

Un viaggio nel cuore della meravigliosa Sicilia Barocca

Video dalla TV brasiliana - duo Ana Carolina e Chiara Civello - il brano è inserito in 7752, ultimo disco della ns. Chiara

Valutazione:
  • Attualmente 0 di 5 stelle.

Visualizzazioni: 88

Commento

Devi essere membro di IngegniCulturaModica per aggiungere commenti!

Partecipa a IngegniCulturaModica

Commento da mario giovanni incatasciato su 25 Giugno 2010 a 16:26
Musica d'autore
Chiara Civello, solare, sensuale e mediterranea
L'intervista di Stefania Pilato
immagini_articoli/1277460910_chiara_civello_gamba.png

A poco meno di tre anni da “The space between” torna sulla scena Chiara Civello, cantautrice siciliana giramondo, sempre più proiettata verso una carriera internazionale. Già divisa tra l’Italia e gli States, Chiara ha aggiunto al suo girovagare il Brasile ed ecco “7752” (EmArcy).

Un disco arioso e luminoso che contiene dieci brani - tre firmati da sola, gli altri in collaborazione - composti e registrati tra Rio e New York e dona un’immagine di Chiara solare, sensuale e mediterranea come fino ad ora non era mai stata. Dopo aver presentato il disco a Milano, Roma e Torino, più globetrotter che mai è volata a Rio de Janeiro dove è già molto conosciuta. Special guest di alcune esibizioni live della star di casa Ana Carolina, Chiara sta diventando una beniamina del pubblico carioca grazie a “Resta”, colonna sonora di una serie televisiva prodotta da Globo Tv, scritta per e con la cantante brasiliana e incisa in duetto nei dischi di entrambe. Artista cosmopolita, musicalmente lontana dalla tradizione siciliana, la Civello porta comunque nel cuore la Sicilia, inserita, insieme con la sua famiglia, tra i ringraziamenti speciali nel booklet del cd. E proprio in Sicilia, a Modica, a casa del padre, ha finito di comporre “One more thing”, iniziato a Roma: “non c’è un legame specifico tra il brano e la Sicilia – sottolinea Chiara, intercettata tra un volo e l’altro - però essere lì mi ha aiutata a chiuderlo. Uno dei doni dell’isola è darti la forza di attraversare il mare. È uno dei miei brani preferiti”.

“7752” è uscito da pochi giorni e sappiamo che questi sono i km che separano New York da Rio.

Quante volte hai percorso questa tratta negli ultimi anni?

Da febbraio 2008 almeno 8 volte.



Come nasce il disco?

Grazie ad una serie di incontri musicali fantastici, ad un produttore eclettico come Andres Levin e a dei musicisti fenomenali. Ero a Rio a trovare Daniel Jobim, nel febbraio del 2008 appunto, e sono stata portata ad una festa in uno studio in cui girava una chitarra. Ognuno cantava una canzone, quando è toccato a me ho cantato “Isola”. A quella festa c’era anche Ana Carolina che mi ha chiesto una melodia. Il giorno successivo ho cominciato a scrivere “Resta” che abbiamo terminato insieme poco dopo.



E oggi sei una star anche in Brasile. Nei tuoi lavori precedenti c’erano già atmosfere e tracce di ritmi sudamericani. Adesso il Brasile è entrato nella tua vita, eppure il disco non rappresenta una svolta in direzione bossa nova o samba. Cosa racchiude?

È un disco in cui mi sono presa la libertà di sentirmi italiana a tutti gli effetti, cantando più in italiano che in inglese e raccogliendo sonorità particolari che rimandano un po’a un’alchimia tra rock anni ‘60, R&B, soul e melodie trasparenti.



È rimasto poco dei tuoi inizi jazz…

Tutto si evolve, il jazz nella mia vita è stato l’ingresso nella musica. Una musica libera di modificarsi nel tempo, di trasformarsi insieme alla mia vita e alle mie esperienze. Nel disco ci sono delle tracce jazz qua e là, ma non sono mai preponderanti.



Ti dividi tra più continenti. Ma tu dove ti senti a casa? C’è un colore, un profumo, un sapore che ti fa sentire a casa, ovunque tu sia?

Io mi sento a casa dove sto bene.



Dal punto di vista strettamente personale, oggi Chiara che donna è? Serena, disincantata, appagata, in cerca o…?

Chiara è Chiara, a volte serena a volte meno. Come tutti. Ma adesso sorride di più.



Come impieghi il tuo tempo libero?

Vado a correre e ho imparato da poco a giocare a Burraco. Ma di solito leggo, guardo film e corro.



Una meta di viaggio ancora da raggiungere?

Mi piacerebbe conoscere la Cina, il Cile e l’Argentina.



L’ultimo concerto al quale hai partecipato da spettatrice?

Caetano Veloso a New York. Bellissimo.



Hai oltre 2500 amici su Facebook e più di 7000 su My Space. Curi personalme

© 2021   Creato da mario giovanni incatasciato.   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio