IngegniCulturaModica

Un viaggio nel cuore della meravigliosa Sicilia Barocca

Successo di pubblico a Modica per mostra sulla rifunzionalizzazione di edifici del centro storico


L’inaugurazione si è tenuta a Modica presso la Fondazione Grimaldi, sabato 5 giugno 2010 .La mostra è visitabile tutti i giorni dalle ore 9 alle ore 13 e dalle ore 16 alle ore 20 e resterà a disposizione del pubblico fino al 13 giugno.

Nell’ambito delle finalità statutarie dell’associazione IngegniCulturaModica,
il gruppo di studio e di ricerca “Conservazione, tutela e valorizzazione dei beni culturali nell’area a riconoscimento Unesco”, costituito all’interno dell’ente associativo e formato da giovani tecnici, coordinato dall’ing. Simona

Incatasciato vice presidente responsabile sezione “Giovani”, d’intesa con gli ordini professionali e con la Soprintendenza ai BB.CC.AA. di Ragusa, ha inaugurato una mostra di progetti, redatti da giovani professionisti, architetti ed ingegneri, aventi per tema la “trasforma-azione” attraverso la rifunzionalizzazione di edifici e spazi urbani ricadenti all’interno del centro storico dei comuni
della provincia di Ragusa.

La finalità primaria dell’iniziativa è stata quella di porre l’attenzione
sull’opportunità di provvedere alla messa in sicurezza ed alla riqualificazione del patrimonio edilizio ed urbano esistente nelle città iblee, e di dare visibilità ad opere che contribuiscono ad incoraggiare il rilancio degli apprezzati centri storici.

L’iniziativa si inserisce nell’ambito di un progetto predisposto con l’intento di contribuire alla conoscenza della fisionomia architettonica culturale e sociale dei centri e dei quartieri del territorio ibleo per valorizzarli e promuoverli e ha lo scopo di raccogliere riflessioni, spunti e punti di vista sulle modalità e le tecniche di intervento contemporanee sul patrimonio esistente, che possano arricchire il dibattito urbanistico ed architettonico.

Partners organizzativi dell’associazione sono stati lo studio tecnico Ingegnicultura, laboratorio di progettazione e
servizi per l’ingegneria e i beni culturali di Modica, e le Case dello Zodiaco, primo esempio di albergo diffuso a Modica.
In occasione dell’inaugurazione della mostra, alla presenza dei rappresentanti istituzionali che hanno patrocinato
l’iniziativa, la Soprintendenza ai BB.CC.AA. di Ragusa, la Provincia Regionale di Ragusa ,il Comune di Modica, gli Ordini degli Ingegneri e degli Architetti di Ragusa e la Fondazione Grimaldi di Modica, e delle ditte che ne hanno finanziato la realizzazione si tenuta una tavola rotonda su “La rifunzionalizzazione di edifici e spazi urbani ”.

Successivamente alla puntuale introduzione sul tema dell’arch. Daniele Giannì supportata anche da richiami di carattere storico, sociale e politico sono seguiti gli interventi dell’Ing. Simona Incatasciato, portavoce del comitato organizzativo costituito dagli Ing.ri Cristina Licitra, Paola Cannata ed Elisa Occhipinti e dagli Arch.tti Cristiana Cannistrà e Viviana Pitrolo, che si è soffermata sul perché di una mostra di architettura sulla rifunzionalizzazione nella provincia di Ragusa e perché riservarla esclusivamente a giovani professionisti. L’idea guida del gruppo di progetto è stata, volutamente, quella di fare partecipare alla mostra giovani tecnici per offrire loro una vetrina esclusiva e un’occasione quasi unica per essere protagonisti. Il tutto senza alcuna vena polemica nei confronti degli Enti locali, in verità spesso non sempre pronti ad offrire aperture di credito nei confronti di giovani progettisti.

E’ seguito quindi l’intervento della
dott.ssa Claudia Origoni, dell’ufficio studi e cultura della Fiera di Roma, che ha relazionato sul tema:“L’albergo diffuso come modello di rifunzionalizzazione dell’offerta turistica di eccellenza: le case dello Zodiaco a Modica”.

Molto affollata la Pinacoteca del Palazzo Grimaldi che è risultata insufficiente rispetto ai tanti tecnici, ingegneri ed architetti, e ad operatori interessati al tema della mostra intervenuti dall’intera provincia di Ragusa.

E’ seguito un interessante dibattito, frutto dei numerosi e significativi interventi dei presenti che hanno posto
importanti elementi di riflessione e di confronto.


Da parte di molti l’esplicita richiesta agli organi direttivi dell’associazione IngegniCulturaModica a volere reiterare questi incontri anche negli altri comuni della provincia di Ragusa.





Visualizzazioni: 12

Commento

Devi essere membro di IngegniCulturaModica per aggiungere commenti!

Partecipa a IngegniCulturaModica

© 2019   Creato da mario giovanni incatasciato.   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio