IngegniCulturaModica

Un viaggio nel cuore della meravigliosa Sicilia Barocca

Palazzo Terranova Cannariati, un vincolo cui dare corso

http://www.ragusanews.com/articolo/15902/Palazzo-Terranova-Cannaria...

Scicli - Un palazzo scampato al terremoto del 1693, di inestimabile valore storico, ma sconosciuto agli stessi sciclitani. La Sovrintendenza di Ragusa ha avviato nel 2006 la procedura di vincolo per Palazzo Terranova Cannariati, sito in cima al quartiere San Giuseppe, nella zona dell’Altobello.

La segnalazione della necessità di un restauro dell’immobile era stata fatta, nel novembre del 2002, dal Movimento culturale Vitaliano Brancati, su input dello storico locale Elio Militello. Palazzo Terranova Cannariati è infatti una delle pochissime testimonianze di architettura cinquecentesca, salvatasi miracolosamente dal terribile terremoto del 1693. Il Brancati, nella propria segnalazione, aveva peraltro sottolineato la singolare circostanza che il palazzo ha incisa sulla pietra la propria vetustà, grazie a un’epigrafe datata e a un blasone a rilievo. “E’ l’unica abitazione civile, in elevato, di età cinque-secentesca conservatasi a Scicli”, spiega il professor Elio Militello, “ed è auspicabile che ciò che nel passato non poterono i danni ambientali non sia permesso oggi all’incuria degli uomini”. L’edificio sorge in via Altobello, e “potrebbe essere inserito in un percorso turistico culturale comprendente altre non lontane testimonianze della stessa epoca –scrive il Brancati-, quali la facciata e i dipinti ex voto della chiesa di Santa Maria della Croce e la chiesa rupestre detta del Calvario”.

Nel gennaio del 2006 il sindaco Falla e l’assessore ai beni culturali Giuseppe Savarino, hanno scritto alla Sovrintendenza di Ragusa ribadendo la bontà di quanto segnalato dal Brancati. E in questo senso il Comune ha chiesto alla Sovrintendenza di avviare, ai sensi del Codice dei beni culturali e del paesaggio, conosciuto anche come “Codice Urbani”, le procedure per dichiarare il Palazzo Terranova Cannariati bene di interesse storico-culturale.

La Sovrintendenza rispose positivamente, comunicando che “si darà corso al procedimento vincolistico del monumento”, e chiedendo all’ufficio tecnico del Comune di conoscere gli indirizzi dei proprietari per comunicare loro l’avvio della procedura di tutela. Palazzo Terranova Cannariati è infatti di proprietà privata.

L’avvio della procedura di vincolo è il primo, necessario passo, nella direzione del restauro e della conservazione di questa straordinaria testimonianza architettonica, più unica che rara.

Ma da allora nulla più è stato fatto.

Visualizzazioni: 11

Commento

Devi essere membro di IngegniCulturaModica per aggiungere commenti!

Partecipa a IngegniCulturaModica

© 2019   Creato da mario giovanni incatasciato.   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio