IngegniCulturaModica

Un viaggio nel cuore della meravigliosa Sicilia Barocca

Ho ancora nelle narici il profumo della menta: fresco, antico in fondo un po’ arabo che ha accompagnato la mia passeggiata nella campagna modicana di fine agosto.
Ogni luogo ha un suo profumo e nulla più di un profumo può rievocare emozioni e
immagini…forse solo la musica.
La Contea di Modica d’estate profuma di menta e profuma di buono.
Conoscevo già quei luoghi, o meglio credevo già di conoscerli perché da quattro anni
sono i luoghi delle mie vacanze ma, pur
amandoli, di essi avevo visto e compreso solo gli aspetti più
evidenti............................

Come tutti i turisti “di passo” avevo già apprezzato le bellezze monumentali,le chiese barocche, i palazzi nobiliari e i ricchi balconi delle case antiche che indifferentemente siano esse ricche o modeste, cambiano colore a seconda dell’ora del giorno :dal
bianco al giallo - rosa del tramonto, regalando a chi le guarda il calore del sole.
Anzi nella mia presunzione di esploratrice mi facevo vanto con i miei amici di
come



la Contea fosse preziosa e bella, quasi che il fatto di averla visitata, mi desse meriti e me fornisse vanto.

Succede così ai giovani e agli entusiasti! Non potendo più essere iscritta anagraficamente alla prima categoria, l’entusiasmo mi certifica ancora
l’appartenenza alla “gioventù del cuore” che per
fortuna, accetta iscrizioni senza scadenza.
Ero entusiasta senza conoscere ancora il resto.
Sentivo, nell’attraversare le strade dei centri storici della Contea da Modica a Ragusa Ibla a Scicli, che quelle
pietre smussate a mano e poste l’una sull’altra,alcune a pietra secca,
altre a stellatura, raccontavano la storia di un’altra Sicilia, ai più
sconosciuta. Una Sicilia nobile e selvaggia, incontaminata dove il
Principe di Salina potrebbe forse, ancora trovarsi a suo agio.
Nei vicoli, anche nei più stretti la luce del sole si rifrange sulle basole arrotondate del
selciato, mentre le scale pedamontane, che collegano la parte alta e
bassa di alcuni paesi, fanno da “pacere” tra la gente e si perdono
verso il cielo azzurro intenso.
Questo era quello che conoscevo…ma poi ho incontrato la campagna modicana e sono qui ancora a
riflettere sulle emozioni che mi ha regalato.
Il primo indizio per attraversarla è quello di seguire i muretti a secco dei confini dei
campi . Lunghi nastri bianchi, alti all’incirca

1 metro e venti, corrono lungo

la Contea , disegnando ricami nel verde e viottoli strettissimi dove anche una piccola utilitaria fa fatica a passare.

I bordi arrotondati sono la caratteristica che li rende solidi,ma anche armonici mentre il paesaggio tutto intorno si dipana, alternando
distese e colline ricche di carrubi secolari, mandorli, olivi e grano.
Seguirli nel loro girovagare può offrire sorprese :paralupi, muragghiuni,sono alcune delle varianti che lungo il
cammino ho incontrato, utili accorgimenti, per salvaguardare le colture e
le pecore dagli animali da rapina. I paralupi sono infatti piccoli
contrafforti che rendono più solido il muro e più largo lo spessore, per
impedire agli animali di saltarlo, i muragghiuni
invece sono piccoli ricoveri lungo il muro, sempre in pietra a forma
conica o tonda per il ricovero del pastore o di attrezzi.

Alcuni di questi accorgimenti tecnici sono piccoli capolavori di arte agraria e esempi di difesa antica, semplice ma efficace. I piccoli varchi o
Vari, lasciano passare il curioso osservatore e regalano ancora rare
emozioni. O Mannaruni (il muretto ) è elegante e ti
accompagna senza incutere timore, anche se la strada ad un tratto,
sembra chiudersi senza vie d’uscita…ma è solo un effetto ottico,la
stradina secolare fila via sicura verso la provinciale.
Il secondo indizio sono i piccoli e grandi casali, anche qui pietre del tempo. Molti di essi
sono rustici e quasi nascosti tra i rovi e la macchia mediterranea,
altri curati, ma abbandonati dal vivere quotidiano, utilizzati solo per
qualche riunione familiare durante le feste comandate o per il riposo
durante le più importanti corveè nei campi.
Vestigia di un mondo contadino che ha scelto e sta scegliendo la città e che ancora non è stato del tutto scoperto dagli abitanti delle metropoli
densamente abitate.
Mi auguro soltanto che se l’amore per questa terra farà appassionare molti visitatori europei, faccia loro comprendere e
salvaguardare questi paesaggi e questi territori, lasciandoli nello
stato in cui sono.
Tremo all’idea di vedere presto tra queste colline, casali con intonaci al quarzo o gazebi orientali (uguali a Varese come a Catanzaro) in
luoghi che hanno cultura e storia differenti.

Possiamo essere adottati e accolti da una cultura e da un luogo,ma non dobbiamo snaturarlo. Dobbiamo viverlo e preservarlo con amore filiale
riconoscente, per chi, dopo di noi potrà goderne, apprezzandone le
stesse atmosfere e gli stessi valori.
L’odore di menta è quello che ho trovato nei bagli e nei campi visitati in questa fine d’agosto
calpestando involontariamente il terreno: mi rimane nella mente e nel
cuore come


La Contea dove voglio tornare.

Claudia Origoni

Visualizzazioni: 42

Commento

Devi essere membro di IngegniCulturaModica per aggiungere commenti!

Partecipa a IngegniCulturaModica

© 2021   Creato da mario giovanni incatasciato.   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio