IngegniCulturaModica

Un viaggio nel cuore della meravigliosa Sicilia Barocca

Ci sono dei luoghi che incantano “naturalmente” e che rimangono impressi nella mente e nel cuore, al punto tale da far desiderare di ritornarci per non abbandonarli più. La Sicilia è ricca di simili posti ed ultimamente ha superato per fascino ed attrattiva la Toscana, un tempo meta preferita dagli anglosassoni e per tale motivo ribattezzata Chiantishire.

L’immediata conseguenza della recente “scoperta” di questo suggestivo triangolo di terra al centro del mondo, con un lato rivolto all'Europa, uno all'Africa e l'altro alla Grecia, è la conquista di sempre più spazio nei mercati immobiliari. Si assiste infatti ad un crescente interesse per l’isola soprattutto da parte degli abitanti del Nord Italia e degli stranieri che dopo averla visitata da turisti ed essersi innamorati del suo clima mite, del suo mare cristallino, dei suoi paesaggi mozzafiato, dei suoi sapori e dei suoi odori vi ritornano per acquistare case, spinti dal desiderio di beneficiare in modo stabile di quella invidiata “lentezza” che contraddistingue lo stile di vita degli autoctoni. Il lembo di Sicilia più gettonato da questo punto di vista è quello sud-orientale, ricadente nelle province di Ragusa e Siracusa e che vanta il numero più alto di luoghi dichiarati patrimonio dell'umanità dall'Unesco: stiamo parlando del Val di Noto, un concentrato eccezionale di bellezze architettoniche ma anche di risorse naturalistiche e bontà enogastronomiche. Una meta ambita anche da numerosi personaggi famosi ed esponenti della classe manageriale europea che non sono stati risparmiati dal suo fascino contagioso. Il gossip immobiliare riferisce di nomi eccellenti: l’Ing. Carlo De Benedetti, l’imprenditore Marco Tronchetti Provera, l’architetto Carlo Pintacuda, il designer Rodolfo Dordoni. E l’elenco può continuare ancora con Luca Zingaretti, Lucio Dalla, Gad Lerner e gli stranieri Robert De Niro, Leonardo Di Caprio e Tom Cruise. È proprio in questo straordinario contesto, le cui peculiarità sono state dianzi enunciate, che si registra infatti un’elevata richiesta di immobili da ristrutturare ai fini abitativi o rifunzionalizzare ai fini turistico/ricettivi. Nella campagna iblea fra i tipici muretti a secco, gli ulivi secolari e i giganteschi carrubi, già diversi sono i caseggiati rurali, i casali, le masserie e le ville antiche che sono ritornati a vivere in tutto il loro splendore grazie a questi investitori (illustri e non) che, mettendo in atto degli attenti e rigorosi lavori di recupero consistenti anche nel mantenimento dei materiali e delle tecniche costruttive della tradizione, li hanno sapientemente trasformati in case di villeggiatura, agriturismi, case vacanze e bed and breakfast di charme, insomma in vere e proprie oasi di pace e di tranquillità, lontane dal rumore cittadino. Anche gli immobili ubicati nei quartieri storici delle città di Modica, Ragusa Ibla, Scicli e Noto, risultano parecchio appetibili complice sia la magnificenza tardo barocca dei luoghi in sé, peraltro di fama mondiale, sia il desiderio molto forte di alcune persone di intessere rapporti umani con la comunità residente per riequilibrare l’isolamento derivante dall’anonimato delle grandi città d’origine. Infine ci sono i borghi marinari di Sampieri, Donnalucata e Marzamemi. Questi riscuotono un grande successo specie fra gli amanti del mare e delle sabbie sottili che si accontentano di fabbricati talora anche di piccole dimensioni pur di godere degli spettacoli unici che la natura regala da queste parti.

A questo punto una domanda sorge spontanea: ma i prezzi degli immobili? Sono convenienti? Beh diciamo che ancora non sono esorbitanti. Ovviamente essi variano in funzione della tipologia edilizia scelta, dell’ubicazione, della consistenza dimensionale, del pregio e soprattutto del complessivo stato di conservazione e manutenzione. Quest’ultimo fattore va valutato attentamente perché tanto più è scarso tanto maggiori risulteranno di conseguenza i costi di ristrutturazione. Questi, che oscillano mediamente tra gli 800,00 euro/mq e i 1.200,00 euro/mq, sono influenzati in modo rilevante dalle scelte progettuali adottate (materiali, impianti, finiture, ecc.) e quindi possono essere soggetti ad ulteriori maggiorazioni. Per avere un’idea, seppur indicativa, di quanto può costare acquistare un immobile nel tanto apprezzato “Sud-Est” consideriamo il caso di una tipica masseria sita nella campagna di Modica, non eccessivamente distante dal cuore pulsante della città, che si sviluppa, su un unico livello, intorno al caratteristico “baglio”, cioè la corte pavimentata con lastre di pietra calcarea. Essa dispone di una superficie potenzialmente abitabile complessiva di 300 mq, di 6000 mq di terreno di pertinenza e necessita di opere di ristrutturazione. Il suo prezzo di vendita è di 380.000,00 euro. Ovviamente tra le tante proposte delle Agenzie Immobiliari, che negli ultimi anni si sono davvero moltiplicate, è possibile trovare anche immobili in vendita a prezzi inferiori o superiori, talora anche già ristrutturati. Tutto dipende dalle vostre esigenze e dai vostri gusti personali e allora che altro dire: a voi la scelta! Contattateci e saremo ben lieti di accompagnarvi nella scelta di proprietà esclusive che restaureremo nel rispetto della natura e delle tradizioni tecniche ed architettoniche. 

 

IngegniCultura

Laboratorio di progettazione e servizi per l’ingegneria e i beni culturali

di Ing. Simona Incatasciato

“Consulenza progettuale per investimenti immobiliari in Val di Noto”

 

Web: www.ingegnicultura.it;

         http://ingegniculturamodica.ning.com/

E-mail: info@ingegnicultura.it

Tel: +39 0932/763990

Mobile: +39 333/3301656

 

Visualizzazioni: 255

Commento

Devi essere membro di IngegniCulturaModica per aggiungere commenti!

Partecipa a IngegniCulturaModica

© 2019   Creato da mario giovanni incatasciato.   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio