IngegniCulturaModica

Un viaggio nel cuore della meravigliosa Sicilia Barocca

Nel raggio di quaranta chilometri partendo da Modica ... ,la città della contea, “ un paese in figura di melagrana spaccata;vicino al mare ma campagnolo; metà ristretto su uno sprone di roccia, metà sparpagliato ai suoi piedi; con tante scale fra le due metà a far da pacieri..” (da Argo il cieco ovvero i Sogni della memoria di Gesualdo Bufalino), è possibile visitare Ragusa Ibla, dove il respiro della storia ti coglie in ogni attimo nel cuore e negli occhi, il Castello di Donnafugata con le sue 122 stanze che richiamano alla memoria gli ambienti gattopardeschi, Scicli con i secoli scolpiti nella pietra, Ispica famosa per la sua Cava e per il monumento nazionale della Basilica di Santa Maria Maggiore con il loggiato del Sinatra, Santa Croce Camerina dove poco lontano dal centro abitato, alla foce dell’Ippari, si trovano le rovine dell’antica città di Kamarina che rappresentano i resti archeologici più importanti di tutto il territorio , Comiso la città che ha dato i natali a Gesualdo Bufalino nota per la lavorazione della pietra e per i ricami, Vittoria la città del liberty, del vino e delle primizie, Chiaramonte Gulfi con i suoi musei fra cui quello dell’olio, testimonianza di un’antica civiltà contadina descritta, con dovizie di particolari, dal suo demologo Serafino Amabile Guastella, Pozzallo, la città natale di Giorgio La Pira , che con Marina di Modica, Sampieri, Donnalucata, Marina di Ragusa, Casuzze, Punta Secca, Kaukana, Punta Braccetto e Scoglitti, da Porto Ulisse alla foce del Dirillo, coprono circa cento Km di costa, fatta di splendide spiagge di sabbia sottile, di bassi promontori rocciosi, di insenature e piccole cale.Un mare con i fondali che degradano molto dolcemente dando la sensazione di poter passeggiare fino all’orizzonte.Dal porto di Pozzallo in meno di due ore è possibile raggiungere l’isola di Malta.
E poi tappa obbligata resta Noto, la città giardino di pietra, il cui più bel fiore, la Cattedrale dalla maestosa scalinata e dalla facciata di pietre dorate, è rifiorito dopo 11 anni dal crollo con la riapertura e l’inaugurazione del 18 giugno 2007.

Monterosso Almo
Santa Croce Camerina
Comiso
Scicli
Vittoria
Ispica
Ragusa
Noto
Chiaramonte Gulfi
Pozzallo
Ragusa Ibla

Visualizzazioni: 6

Commento

Devi essere membro di IngegniCulturaModica per aggiungere commenti!

Partecipa a IngegniCulturaModica

© 2019   Creato da mario giovanni incatasciato.   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio