IngegniCulturaModica

Un viaggio nel cuore della meravigliosa Sicilia Barocca

Poesia di Antonio Longobardi.

Scetannese.....
Tra veglia e suonno sento na' campana,
n'ata risponne chiù luntane ancora,
'nd'e nuvole d'argiento iocano allere e suone,
e mò stì note doce trasenne case case
scetano e ninne 'ndè connole addurmute.
Pur'io me sceto e me sento nennille,
stù core mio se scorda e pene e 'o male;
stù lietto nunn'è chiù nu' lietto 'e spine!
'Ncoppa a fenesta, 'mmiezzo a duje geranie
duje palummielle fanno già l'ammore,
na' sfera e sole pallida e 'nfrudduliata
me vene a carizzà a cuperta 'e raso.
Stò già scetato ma me sento 'nsuonno,
mò nun capisco comme maie stù core
cà s'addurmette trapuntato 'e spine
me s'è scetato chine 'e gioia.
Pò all'intrasatte m'arricordo tutto:
ogg'è Natale!

........ Con l'augurio di tanta pace e serenità.......

Visualizzazioni: 12

Commento

Devi essere membro di IngegniCulturaModica per aggiungere commenti!

Partecipa a IngegniCulturaModica

© 2019   Creato da mario giovanni incatasciato.   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio