IngegniCulturaModica

Un viaggio nel cuore della meravigliosa Sicilia Barocca

Questa poesia ,in dialetto, è stata scritta dal mio amico Mauro Cavallo (u pueta malarittu) nel 2001, in occasione dell'arrivo dell'Euro, ed è rimasta inedita.



Euru

Euru!
Si ciama sta munita,
Sta palanca
ri st’Italia è scanusciuta..
La lira
cciù la persi la partita..
ma rresta ancora amata
e bon vuluta.

Li taschi i l’italiani
sù ‘mprugghiati..
su ccini ri sordi spicci
e rari li sordi sani..
lu ciantesimu
è attonna pieri pieri..
è ncuocciu ri linticcia
ma si fa baliri.


Povuru!
Cu arriturnari a nnarrieri..
Attonna cu li ciantesimi
Ci tocca r’arricchiri..
Finiu lu tiempu ri li miliuna!
E taliati ancora
Comu a gghiri a finiri..

Tutta!
ma vuogghiu virri
ccu li massari..
ccu sti quattro scuzzari
ca sù pieri pieri..
sa quantu rrisati
ca na ma ffari..
poveri li prufani!
E li banchieri!


Ri li cummircianti
a ppuoi nu nna ma parrari..
sa quantu mpruogghi
e futti futti
ca ccià ssiri..
e primi tiempi n’futtisteriu ginirali..
mischinu cu avi ri spenniri
e ccu avi liri !!!!
nMiliuni
addiventa milli liri..
e milli liri
nveci cciui lu puoi strazzari…
nzumma
sugnu u primu e nun capiri…
ma tantu nn’agghiu n’evira
E mancu liri!!

Cu veni sa spila
sta bedda ficumora!
e cu si punci
nesci fora.
Chista è a zita!!
vuliri o vulari….
intra sti tiempi pazzi
ni tocca a tutti r’amprugghiari!!!..


li ricchi p’arricchiri
e li poveri ppi campari!!!

Visualizzazioni: 125

© 2019   Creato da mario giovanni incatasciato.   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio