IngegniCulturaModica

Un viaggio nel cuore della meravigliosa Sicilia Barocca

Già insegnante di italiano nel liceo della sua città, Caltagirone, dove vive, ha pubblicato alcuni saggi di carattere storico e archeologico, frutto della sua collaborazione con la Soprintendenza alle Antichità della Sicilia Orientale, i due poemetti Parole come chewing-gum e Ghirigori e parabole con l’editore Tringale di Catania ed infine con Sellerio editore i tre romanzi Senza re né regno (2004), Il cammello e la corda (2006), Il manoscritto di Shakespeare (2008).Con Flaccovio Editore ha pubblicato il volo di Fifina. Una sua novella, Il nero dell’Etna, è stata inserita nell’antologia Delitti in provincia di Guanda editore. Ha vinto con i tre romanzi numerosi premi letterari, tra cui il Domenico Rea, il Corrado Alvaro, il Premier roman di Chambery, il Primo romanzo Città di Cuneo, il Città di Viagrande, ed è stato finalista a Un libro per l’estate 2006 e al Giuseppe Dessì. Attualmente collabora con diversi quotidiani e settimanali.

"Il volo di Fifina" è solo la sua ultima fatica in ordine di tempo. Questo nuovo romanzo ha la suspence di un giallo ma un giallo non è, nell'ultimo romanzo di Domenico Seminerio c'è l'intrigo e una trama avvincente che sorprende e affascina inaspettatamente pagina dopo pagina.

Un viaggio in Sicilia, nel paese d'origine del padre, causa il disbrigo di pratiche legate alla vendita di un terreno indiviso. Un romanzo raccontato in prima persona dal protagonista, Gerlando Montevago, una lettura gradevole che una pagina dopo l'altra appassiona e incuriosisce. La lettura attrae perché per la prima volta il protagonista della storia non sa di esserlo, è all'oscuro del suo legame con la Fifina che prenderà il volo.
Si è sempre saputo che le dicerie trovano dimora facile nei piccoli paesi, dove ci si conosce e facilmente si diventa giudici con licenza di condannare. Petiliana è un piccolo paese della Sicilia, lì sono in pochi a conoscere la vicenda di una mahara, una maga dai filtri magici.

Tra credenze e falsi miti, Gerlando Montevago, protagonista del viaggio in terra di Sicilia, si trova a dover fare i conti con un mondo dal quel era sempre fuggito, non per paura ma per incredulità, il mondo della magia, dell'irrazionale e delle credenze popolari tante volte giustificate per ignoranza. Il racconto del volo di Fifina apre nuovi scenari: le streghe, gli intrugli, le preghiere e le guarigioni mediante erbe, tutti elementi che renderanno Gerlando il protagonista inconsapevole della sua vita.

Il lettore rimane col fiato sospeso fino alle ultime pagine, l'autore, pur non scrivendo un giallo, è riuscito con la genialità di pochi a trascinare in una lettura spasmodica delle 246 pagine per arrivare a risolvere il dolce mistero della vita.

Visualizzazioni: 36

© 2019   Creato da mario giovanni incatasciato.   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio