IngegniCulturaModica

Un viaggio nel cuore della meravigliosa Sicilia Barocca

Un interessante progetto presentato dal Comune di Noto e approvato nell’ambito del Programma Operativo Nazionale Sicurezza per lo Sviluppo – Obiettivo Convergenza 2007-2013

Sedici appartamenti e due locali commerciali, situati in una delle zone marine più belle del territorio di Noto non saranno più beni della mafia, ma luoghi di soggiorno turistico per
soggetti svantaggiati.

I beni si trovano nel villaggio turistico “Isola Blu”, nella contrada Bove Marino, e sono stati confiscati a Salvatore Schiavone, legato al clan mafioso Trigila-Santa Paola di
Catania.

Il progetto presentato dal Comune di Noto e approvato nell’ambito del Programma Operativo Nazionale Sicurezza per lo Sviluppo – Obiettivo Convergenza 2007-2013, ha un costo di 412.000 e vuole
utilizzare i beni confiscati per promuovere attività di reintegrazione
sociale. In questo caso i locali andranno ad ospitare, per brevi
soggiorni estivi, soggetti svantaggiati come minori a rischio
,
ex tossicodipendenti, ex detenuti, donne che hanno subito
maltrattamenti, famiglie con difficoltà economiche o residenti in
quartieri popolari.

Soggiorni estivi di due settimane per chi non conosce la parola vacanza, senza dimenticare la legalità che sarà protagonista di iniziative e incontri. Anche la gestione dei servizi ausiliari, come
pulizie e manutenzione, verrà affidata ad una cooperativa sociale.

In conformità all’Obiettivo operativo 2.5 del Pon sicurezza ‘Migliorare
la gestione dei beni confiscati alla criminalità organizzata’
, il
Comune di Noto vuole riconvertire i beni appartenuti alla mafia nel
circuito produttivo legale per dare un segnale tangibile e simbolico
della lotta alla criminalità.

Fonte: http://siracusa.blogsicilia.it

Visualizzazioni: 3

© 2019   Creato da mario giovanni incatasciato.   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio