IngegniCulturaModica

Un viaggio nel cuore della meravigliosa Sicilia Barocca

"Modica: A sweet spot for an ancient remedy"

"Modica, il posto giusto per riscoprire una cura antica" il titolo del pezzo che qui vi proponiamo.

The tangy aroma of lemons hung in the air as we gazed over a panorama of churches and rooftops. From the cliffside garden of the town's philosopher Tommaso Campailla, the best outlook in Modica lay before us. Signor Migliore smiled and reached into a burgeoning citrus tree. This, he said, as he presented a lemon to me, is a small souvenir of the town – and of Sicily. He nodded and then headed back indoors, where we continued our talk about syphilis.

As the curator and owner of the house of Tommaso Campailla, Signor Migliore knows a thing or two about syphilis, along with early 18th-century thinking. Born in Modica in 1668, Campailla was an aristocrat who left home to train as a lawyer, returned, and then rarely set foot beyond the dramatically sited house where he was born. There he taught himself astronomy and philosophy, wrote poetry, corresponded with the great and the good, and came to be held in such high regard that the Anglo-Irish scholar and bishop George Berkeley made a trip to meet him. As something of a sideline he also devised a treatment for syphilis – although Signor Migliore was fairly sure that Campailla never suffered from the disease himself.

Any thoughts of maladies, medical history or philosophy had been far from my mind when I had set out that morning from my hotel by the coast of south-east Sicily. I had heard of the Baroque beauty of Modica, about half an hour's drive inland, and had anticipated spending a pleasant day wandering its theatrical-looking streets, exploring churches – and browsing chocolate shops. For the town is famous for its production of chocolate made more or less to Aztec traditions – the method and raw materials were brought to the island by the Spanish towards the end of the 16th century.

Like other towns in Sicily's rugged Val di Noto, Modica was all but destroyed during a momentous earthquake in 1693. And like the other towns in the area, it was rapidly rebuilt in the flamboyant architectural style of the time, the result so striking that it is now a World Heritage Site. So evidently there's a wealth to see. But where to start? Happily, one of the managers at my hotel was a Modica man. He explained how his native town is sharply divided: there are many churches, he said, but two evoke deep-seated passion – if you come from Modica you are affiliated either with San Pietro in the lower town or San Giorgio up on the hill above. They could be the focal points of my trip, he suggested.

First stop was the monumental San Pietro, its ochre-stone façade complete with curvy embellishments, its interior a calming space of white stucco. By contrast, just off the back of the building there's a treat of a little church turned museum: San Nicolo Inferiore was hewn out of the rock face here centuries ago and, in the course of time and earthquakes, became buried. It was rediscovered by chance in 1987. Together with its 12th-century Byzantine-style wall paintings, it remains only partially restored so it exudes a romantically haunting sense of the past.

Next on the agenda: chocolate. A few steps down an alley opposite San Pietro is Modica's oldest chocolate shop. Antica Dolceria Bonajuto is a delightfully creaky place, its wood-panelled walls lined with displays of production techniques – the sugar they add to the cocoa never fully melts and so the natural bitterness of the chocolate is only partially offset by a sweet crunch.

Fortified by a sample of Bonajuto's chilli chocolate, I set off for Modica's upper town and the church of San Giorgio. It was a short walk from San Pietro, zigzagging up stairs and strolling through terrace gardens. Fabulously opulent, San Giorgio left me breathless in every sense. Its four-storey belfry presents a great play of curves, pillars and pediments. Its interior is elegantly restrained, the central feature a great altarpiece depicting scenes from the lives of saints Giorgio and Ippolito.

Aiming for a panoramic viewpoint I continued upwards and found myself in a maze of lanes bearing little relation to those shown on my map. Finally I followed a road back to the lower town, passing Modica's medical museum. The map announced that this was once a centre for the treatment for syphilis, which sounded intriguing, so in I went.

In pride of place in the museum are the treatment booths Tommaso Campailla devised to "cure" this widespread disease. Patients would sit inside these wooden cabins and inhale infusions of mercury, causing them to sweat profusely. Did this really have any effect on syphilis? The museum's receptionist smiled and shrugged. Perhaps I should visit the house where the creator of the booths lived. She pointed back up the hill.

Two hours later I left Modica clutching a lemon, my head filled with images of syphilis treatment cabins, swirling architecture – and superb views.

Travel essentials

Getting there

Harriet O'Brien travelled with Essentially Prestige (01425 480400;prestigeholidays.co.uk/sicily) which offers a range of holidays in Sicily. A four-night break at Relais Torre Marabino, set near the coast and an easy drive from Modica, costs from £444 per person including breakfast, easyJet flights from Gatwick to Catania and car hire.

Catania is served by British Airways (0844 493 0787; ba.com) and easyJet (0843 104 5000; easyjet.com) from Gatwick.

More information

Casa Tommaso Campailla, Via Posterla (ingegnicultura.it), open April to September, Mon-Sat 10am-noon and 4-6pm, €2 (£1.70). At other times open by appointment.

Museo Medico Tommaso Campailla, Piazza Campailla (00 39 0932 763 990; ingegnicultura.it). Mon-Sat 10am-noon and 4-6pm, €2.

Antica Dolceria Bonajuto, Corso Umberto I 159 (00 39 0932 941 225;bonajuto.it).

San Nicolo Inferiore, Piazzetta Grimaldi, open daily 10am-noon and 4-7pm, €2.

Modica tourist office, Corso Umberto I (00 39 0932 759 634; commune.modica.gov.it). Mon-Sat 9am-1pm and 3.30-6pm; Sun 10am-1pm.

di Harriet O’Brien

Traduzione

L'aroma agrumato del limone appeso in aria come abbiamo guardato su un panorama di chiese e tetti. Dal giardino scogliera della città filosofo Tommaso Campailla, le migliori prospettive a Modica davanti a noi. Signor Migliore sorrise e si avvicinò ad un albero di agrumi fiorente. Questo, ha detto, quando ha presentato un limone per me, è un piccolo ricordo della città - e della Sicilia. Lui annuì e poi tornò in casa, dove abbiamo continuato a parlare di sifilide.

Come il curatore e proprietario della casa di Tommaso Campailla, signor Migliore conosce una cosa o due su sifilide, insieme a primi 18 ° secolo, il pensiero. Nato a Modica nel 1668, Campailla era un aristocratico che ha lasciato la sua casa per la formazione di avvocato, restituito e quindi raramente messo piede oltre la casa situata in modo drammatico in cui è nato. Lì si insegna l'astronomia e la filosofia, ha scritto la poesia, in corrispondenza con il grande e il bene, e venne ad essere tenuto in così alta considerazione che gli anglo-irlandese studioso e vescovo George Berkeley ha fatto un viaggio per incontrarlo. Come una sorta di attività secondaria ha anche messo a punto un trattamento per la sifilide - anche se il signor Migliore era abbastanza sicuro di non aver mai sofferto di Campailla stesso malattia.

Ogni pensiero di malattie, storia medica o la filosofia era stato lontano dalla mia mente quando mi era partito quella mattina dal mio albergo sulla costa di sud-est della Sicilia. Avevo sentito parlare della bellezza barocca di Modica, circa la metà di un'ora di macchina verso l'interno, e aveva previsto di trascorrere una giornata piacevole vagare le sue strade dall'aspetto teatrale, esplorando chiese - e la navigazione negozi di cioccolato. Per la città è famosa per la produzione di cioccolato in più o meno alle tradizioni azteche - il metodo e le materie prime sono stati portati sull'isola dagli spagnoli verso la fine del 16 ° secolo.

Come altre città della Sicilia robusta Val di Noto, Modica era quasi distrutta durante un terremoto epocale nel 1693. E come gli altri comuni della zona, fu rapidamente ricostruita in stile fiammeggiante architettonico del tempo, il risultato così sorprendente che ora è un patrimonio dell'umanità. Quindi evidentemente c'è una ricchezza da vedere. Ma da dove cominciare? Fortunatamente, uno dei dirigenti al mio albergo era un uomo Modica. Ha spiegato come la sua città natale è nettamente divisa: ci sono molte chiese, ha detto, ma due evocano profonda passione - per chi proviene da Modica si sono affiliati o con San Pietro nella città bassa o di San Giorgio sulla collina sopra . Potrebbero essere i punti focali del mio viaggio, ha suggerito.

La prima tappa è stata la monumentale San Pietro, la sua facciata in pietra ocra completo di abbellimenti curve, il suo interno uno spazio rilassante di stucco bianco. Al contrario, appena fuori la parte posteriore del palazzo c'è una delizia di una piccola chiesa diventa un museo: San Nicolo Inferiore è stato scavato nella parete rocciosa qui secoli fa e, nel corso del tempo e terremoti, divenne sepolto. E 'stato ritrovato per caso nel 1987. Insieme con i suoi 12 ° secolo in stile bizantino pitture murali, rimane solo parzialmente ristrutturato in modo che emana un senso romantico ossessionante del passato.

Avanti all'ordine del giorno: il cioccolato. A pochi passi lungo un vicolo di fronte a San Pietro è più antico negozio di cioccolato di Modica. Antica Dolceria Bonajuto è un luogo deliziosamente scricchiolante, le pareti rivestite in legno rivestite con display di tecniche di produzione - lo zucchero che aggiungere al cacao non si scioglie completamente e in modo naturale l'amarezza del cioccolato è solo in parte compensato da una stretta dolce.

Fortificata da un campione di cioccolato Bonajuto di peperoncino, sono partito per città alta di Modica, e la chiesa di San Giorgio. Era a pochi passi da San Pietro, a zig-zag su per le scale e passeggiando nei giardini terrazza. Incredibilmente opulenta, San Giorgio mi ha lasciato senza fiato in tutti i sensi. Il suo campanile a quattro piani presenta un grande gioco di curve, colonne e frontoni. Il suo interno è elegantemente trattenuto, l'elemento centrale di una grande pala d'altare raffigurante scene della vita dei santi Giorgio e Ippolito.

Che mirano ad una belvedere ho continuato verso l'alto e mi trovai in un dedalo di viuzze che portano poco a quelli indicati sulla mia mappa. Infine ho seguito una strada alla città bassa, passando museo medico di Modica. La mappa ha annunciato che questa era una volta un centro per il trattamento per la sifilide, che sembrava interessante, così sono andato in.

Al posto d'onore nel museo sono le cabine per trattamenti Tommaso Campailla pensati per "curare" questa malattia diffusa. I pazienti si sedeva all'interno di queste cabine di legno e infusi inalare di mercurio, facendoli sudare copiosamente. Ha davvero alcun effetto sulla sifilide? Reception del museo sorrise e si strinse nelle spalle. Forse dovrei visitare la casa in cui il creatore delle cabine vissuto. Indicò indietro su per la collina.

Due ore più tardi ho lasciato Modica stringendo un limone, la testa piena di immagini di cabine per trattamenti sifilide, l'architettura vorticoso - e una bellissima vista.

Informazioni di viaggio

Come arrivare

Harriet O'Brien viaggiato con la sostanza Prestige (01425 480400; prestigeholidays.co.uk / sicilia), che offre una gamma di vacanze in Sicilia. Una pausa di quattro notti al Relais Torre Marabino, nei pressi della costa e facilmente raggiungibile in auto da Modica, costa a partire da € 444 per persona con prima colazione, voli easyJet da Gatwick a Catania e noleggio auto.

Catania è servita da British Airways (0844 493 0787; ba.com) e easyJet (0843 104 5000; easyjet.com) da Gatwick.

Maggiori informazioni

Casa Tommaso Campailla, Via Posterla (ingegnicultura.it), aperto da aprile a settembre, da lunedì a sabato dalle 10 alle ore 06:00 e 4, € 2 (£ 1,70). Altre volte aperto su appuntamento.

Museo Medico Tommaso Campailla, Piazza Campailla (00 39 0932 763 990; ingegnicultura.it). Lun-sab dalle 10 a mezzogiorno e 4-6pm, € 2.

Antica Dolceria Bonajuto, Corso Umberto I 159 (00 39 0932 941 225; bonajuto.it).

San Nicolò Inferiore, Piazzetta Grimaldi, aperto tutti i giorni dalle 10 a mezzogiorno e 4-7pm, € 2.

Ufficio turistico di Modica, Corso Umberto I (00 39 0932 759 634; commune.modica.gov.it). Da lunedì a sabato 09:00-13:00 e 3,30-6pm, Sun 10am-1pm.

 

 

Visualizzazioni: 31

© 2019   Creato da mario giovanni incatasciato.   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio